Micro Trasgressioni Quotidiane.

 

Micro trasgressioni quotidiane Farfalle

Tutto è iniziato una mattina di Febbraio.

La sveglia del mio cellulare suonava Time is running out (sono una burlona!) dei Muse ed io ho pigiato su spegni. Come se mi fossi svegliata pronta e combattiva.

In realtà sono rimasta avvolta nel calore del mio piumone. Non so spiegare il perché ma era come se quel tempo “rubato” alla mia quotidianità fosse più buono. Il letto più morbido. Il piumone più soffice.  Sono rimasta in uno stato di torpore cognitivo per un po’, poi mi sono alzata ed ho ripreso il flusso della mia routine. Ho dovuto saltare qualche rituale mattutino, mi sembra di non aver rifatto proprio il letto e forse ho risparmiato minuti qua e là. Magari la mia acconciatura presentava delle imperfezioni. Eppure ero soddisfatta di quella trasgressione all’ordinario. Un piccolo furto ad un programma stabilito ormai, inconsciamente, da tempo.

Da quel momento, in momenti inaspettati, non studiati, randomici, io trasgredisco. Tradisco il mio planning giornaliero, i miei doveri.

Ieri sera ad esempio avrei dovuto stirare, la pila di indumenti è di altezza notevole.  Però sul comò in camera Mr Gwyn di Baricco mi chiamava. Potevo sentire distintamente la signora con il foulard impermeabile mentre mi invitava a leggere. Magari la Società oggi mi avrebbe apprezzata maggiormente con la mia camicia bianca pulita e stirata, ma io ho apprezzato molto di più lo studio di John Septimus Hill. E la t-shirt nera con stampa colorata. Le pagine che ho letto mi hanno letteralmente rapita e mi sono goduta lentamente ogni singola parola. Come se potessi assaggiare ogni  deliziosa sillaba.

lampadine

Verso fine Aprile mi sono concessa un risotto sperimentale per cena. Salsiccia, parmigiano una noce di burro due cucchiai di gorgonzola. Sfumato al vino bianco con una spolverata di noce moscata. Il mio fisico, vista anche l’ormai prossima stagione estiva, avrebbe bisogno di un minimo di contegno.

Di snack salutari. Di verdurine bollite. Ma detox  non lo dico perché è troppo mainstream.

Solo che la trasgressione ha aggiunto a quel riso qualcosa. Era all’onda, perfetto, buonissimo. Poi, invece di fare una qualche attività per  smaltire il pasto, mi sono versata un bicchiere di vino bianco e spalmata sul divano ho guardato l’ennesima puntata di Grey’s Anatomy, quella in cui April dice a Jackson che è disposta a non sposarsi per lui. Con biscottini di pastafrolla alla mandorla, Lui e una copertina.

Greys-Anatomy Jackson

E le verdurine sono rimaste in frigo.

Una delle trasgressioni più frequenti è quella che a breve, già lo so, mi costerà una denuncia per disturbo della quiete pubblica. E’ capitato l’ultima volta domenica. Ero sola, Lui fuori per lavoro. Ho acceso Spotify, ho collegato la cassa via bluetooth, alzato il volume ed ho iniziato la mia esibizione poliedrica. Va dal canto (stonato) al ballo (scoordinato) all’improvvisazione di ringraziamenti al pubblico (il cane e il gatto). Il tutto ovviamente incorniciato da una casa in disordine ed una mise casalinga improponibile. E si, mentre mi esibisco un minimo di ordine cerco di darlo, ma se facessi le pulizie per bene che trasgressione sarebbe?

 

La cosa essenziale di queste trasgressioni è la loro totale imprevedibile spontaneità. Sono dei piccoli tarli che mi si formano nella mente e che proprio non riesco a scacciare. Così li seguo, li assecondo. Un po’ come le Bellezze Quotidiane.  Insomma, la routine ci vuole inscatolati su percorsi ben delineati, con paraocchi e paraorecchie. Io mi prendo delle pause a modo mio.

Muse Drones

Una delle pause è un po’ più lunga del previsto e pare che io stia scrivendo una specie di libro. La mia trasgressione del tutto inventata, La mia Creatura. Fatta da me. A modo mio. Dove misuro tempi e spazi come desidero. Dove vibrano canzoni blues e capelli rossi. Dove reinvento i miei luoghi. Dove rielaboro gli infiniti spunti che mi regalano tutte le persone intorno a me. Come un paio di occhiali colorati.

 

La data ufficiale è stata fissata al 12 Settembre dal mio manager, Doc G. Anche se non vedo l’ora di trasgredire e farvi assaggiare un pezzetto della mia creatura per sapere cosa ne pensate.

Per oggi vi auguro Bellezze e Trasgressioni.

MU

 

 

 

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. Banaudi Nadia ha detto:

    Posso garantirti che senza queste trasgressioni la vita sarebbe un piattissimo susseguirsi di noiose certezze. Per quanto riguarda l’ultima trasgressione che hai in mente sarò spietatamente sincera, non vedo l’ora tu cominci a far trapelare indiscrezioni.

    Liked by 1 persona

    1. materialeumano ha detto:

      Evviva le trasgressioni! 🙂 Spero presto, anzi, prestissimo.

      Liked by 1 persona

  2. chiarasole1981 ha detto:

    Ho conosciuto il tuo blog su segnalazione di Nadia, che ha commentato qui sopra, in quanto abbiamo appena scoperto di essere tre autrici (io ancora aspirante, purtroppo) conterranee: vivo a Sanremo e lavoro a Imperia. 🙂
    Le tue parole sulla trasgressione mi sono piaciute e mi hanno fatto sorridere: anche io in questo periodo mi sento in vena di piccole ribellioni quotidiane, poiché mi rendo conto di essere molto rigida con me stessa. Non so se ciò dipenda da una propensione caratteriale o culturale. In questa zona (ma forse è un aspetto comune a molte realtà di provincia) c’è una tendenza al conformismo che a volte lascia spiazzati. Chi è insicuro si adegua, per paura di essere giudicato.

    Liked by 1 persona

    1. materialeumano ha detto:

      Cara Chiara, felice del tuo passaggio da queste parti. È vero, tendiamo spesso ad essere troppo rigidi con noi stessi, adeguandoci a standard imposti. Alcuni necessari altri solo “di facciata”. È bello sapere di essere in tanti a trasgredire. Non aver paura di essere giudicata, non sei sola 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...